benessere dei dipendenti

Welfare aziendale: agevolazioni alle aziende che investono nei dipendenti

Investire nel benessere dei dipendenti è una scelta vincente in termini di produttività, resa sempre più facile dalle numerose agevolazioni governative rivolte alle aziende. 

Cosa si intende per welfare aziendale?

Il welfare aziendale è l’insieme delle iniziative promosse dal datore di lavoro e mirate a incrementare il benessere del lavoratore tramite l’integrazione della retribuzione con benefit relativi alla fornitura di servizi e prestazioni non monetarie.

I benefit possono riguardare le più svariate aree della vita privata e lavorativa e prendere la forma di contributi per fondi pensionistici complementari, azioni societarie, rimborsi (totali o parziali) delle spese sostenute per gli spostamenti connessi al lavoro, agevolazioni per servizi di natura sanitaria o educativa, così come sconti e promozioni per attività legate al tempo libero.

L’erogazione dei benefit può essere collegata ai premi di produttività o far parte delle condizioni contrattuali di lavoro. Tuttavia, mentre i premi di produttività puntano a legare parte della retribuzione del dipendente all’andamento dell’azienda, il welfare aziendale si concentra principalmente sull’offrire ai dipendenti (e ai loro familiari) prestazioni e servizi di utilità sociale per favorirne il benessere.

Perché conviene investire nel welfare aziendale

Come illustrato in un precedente articolo, il benessere dei dipendenti è un fattore chiave per la produttività aziendale: un dipendente felice è più produttivo del 22% in più rispetto a un dipendente insoddisfatto e si sente più attivamente partecipe delle sorti della compagnia per la quale lavora, il che si traduce in un aumento del fatturato aziendale e in un maggiore grado di soddisfazione dei clienti, ma anche in una diminuzione dell’incidenza di fenomeni come l’assenteismo e il turnover.

Vantaggi che non sono passati inosservati alle aziende italiane, che hanno cominciato a investire sempre più consistentemente in iniziative volte a migliorare il benessere dei dipendenti, come testimoniato da una ricerca condotta da ATKearney per conto di Sodexo Benefits and Rewards: i dati mostrano che il 71% delle aziende italiane ha investito o sta investendo nel welfare aziendale. Si tratta di una percentuale destinata a crescere, per merito anche delle recenti manovre di detassazione sui servizi di welfare e sui premi di produttività.

Secondo i dati Sodexo, i benefit offerti dalle aziende italiane ai propri dipendenti consistono principalmente in buoni pasto (58%), seguiti dalla possibilità di lavorare part-time (50%), dall’assistenza sanitaria (42%), dagli aiuti economici per l’istruzione dei figli (22%), dall’opportunità di lavorare in remoto (22%), sino ad arrivare ai servizi di asilo e babysitting (17%) e ai buoni acquisto (16%).

Il supporto governativo al welfare aziendale

La crescente importanza data al welfare aziendale è sottolineata anche dagli interventi governativi destinati a sostenere le aziende che decidono di investire nel benessere dei lavoratori. Il primo passo è stata la Legge di Stabilità del 2016, che ha reso più consistenti le agevolazioni fiscali per le aziende che hanno attivato politiche di welfare aziendale, come i buoni pasto, gli asili nido e le forme di assistenza integrativa. La Legge di Bilancio 2017 ha poi integrato queste agevolazioni stabilendo che i benefit aziendali scelti dai lavoratori non concorrono a formare reddito e non sono sottoposti all’imposta sostitutiva del 10%.

Infine, la Legge di Stabilità del 2018 ha regolamentato la detassazione dei premi di produttività e ha ampliato il novero di benefit esclusi dal reddito di lavoro per includere, fra le altre, le somme erogate ai dipendenti per l’acquisto di abbonamenti per i trasporti pubblici locali, regionali e interregionali.

Benefit a misura di lavoratore

Il fattore più importante per giudicare il potenziale impatto dei benefit proposti dalle aziende rimane il grado di soddisfazione e benessere che questi producono dal punto di vista dei dipendenti. Ma cosa vogliono i dipendenti italiani dalle aziende?

Un’indagine condotta da EasyHunters ha rilevato che fra i benefit più importanti per i lavoratori figurano i corsi di formazione (30,7% degli intervistati), le assicurazioni e le forme previdenziali integrative (23,9%), seguite da convenzioni e sconti per beni e servizi (16,2%).

Le convenzioni più desiderate sono decisamente quelle che riguardano il tempo libero: al primo posto infatti si trova la possibilità di ottenere una convenzione con palestre o centri fitness (42,8%), seguita da sconti e promozioni legati all’ambito food and beverage (34,2%) o all’area dell’ottica e della salute (27,7%).

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!

Tags: ,

Trackback from your site.

Giulia Bertani

Giulia Bertani è Assistente Marketing presso Segretaria24.it. In questo blog si occupa di temi di interesse per liberi professionisti e imprenditori che desiderano migliorare la propria produttività e ampliare il proprio portfolio clienti.

Leave a comment

Fai crescere la tua impresa con il nostro servizio di segretariato a distanza.

Con noi assicuri alla tua attività una reperibilità telefonica ottimale, anche 24h su 24:

  • ✓ Gestione chiamate, agenda appuntamenti, e servizio fax virtuale
  • ✓ Segretariato madrelingua anche in inglese, tedesco, francese e spagnolo
  • ✓ Applicazione smartphone gratuita per iOS e Android
  • Richiedi un’offerta senza impegno e per il tuo primo mese ottieni un bonus di 25 € sulle telefonate e zero costi di canone.

    Le informazioni fornite saranno archiviate in conformità con la nostra politica sulla privacy per elaborare la vostra richiesta di contatto.

    Posso revocare questo consenso in qualsiasi momento.*