Gestione del calendario

Migliora la gestione del calendario, evitando i 4 errori più comuni

Per imparare a pianificare gli impegni in maniera efficiente non servono solo organizzazione e disciplina, ma anche un approccio produttivo alla gestione del tempo.Il tempo è il nostro bene più prezioso, eppure siamo spesso del tutto inconsapevoli del mondo in cui lo investiamo. In realtà, tanto quanto è importante pianificare la gestione delle entrate e delle uscite per usare al meglio il proprio denaro, così è necessario imparare a usare il calendario o l’agenda degli appuntamenti come uno strumento per gestire il nostro ‘budget di tempo’ e non rischiare che vada sprecato. Per questo abbiamo stilato una lista degli errori più diffusi quando si tratta di gestione del calendario e degli impegni, affiancati dalle strategie più efficaci per superarli.

Il calendario degli impegni non è una lista delle cose da fare

Anche se può apparire contro-intuitivo, è meglio evitare di usare l’agenda degli appuntamenti per organizzare anche le attività da portare a termine nel corso della giornata. Per quello ci sono le to-do list, che siano di carta, digitali o condivise, dove ciascun impegno può essere analizzato e scomposto in una serie di passaggi più piccoli. Il calendario dovrebbe invece essere usato per annotare scadenze, appuntamenti e per riservare blocchi di tempo da dedicare ad attività specifiche.

Questo perché la maggior parte di noi non è in grado di valutare correttamente il tempo necessario per portare a termine un determinato compito. Il fenomeno è noto nell’ambito della psicologia come the planning fallacy (o fallacia della pianificazione), termine coniato dagli psicologi Daniel Kahneman e Amos Tversky per descrivere la tendenza umana a sottovalutare il tempo richiesto da un incarico o da un’attività. Il risultato è che la maggior parte delle persone programma regolarmente più impegni di quelli che è effettivamente in grado di portare a termine e si trova sommersa di cose da fare, senza avere il tempo di farle tutte.

È inutile programmare gli impegni senza programmare i momenti di pausa

Quando si pensa alla gestione del calendario, si pensa soprattutto alla gestione degli impegni e degli appuntamenti, ma il vero segreto è abituarsi a pianificare i momenti di pausa, per riuscire a sfruttare al meglio le energie nel corso della giornata.

Prendiamo il momento della pausa pranzo, ad esempio: nel corso di un’indagine condotta da Nomisma il 40% degli italiani ha dichiarato di trascorrere la pausa pranzo in ufficio, spesso senza alzarsi dalla scrivania, relegando l’ora del pasto a uno dei ‘momenti di buco’ in cui si è liberi da altri impegni. Non solo si tratta di un’abitudine poco salutare per il nostro benessere, ma pregiudica anche il nostro rendimento sul lavoro: rinunciare a una così importante occasione di riposo proprio nel mezzo della giornata ci rende meno produttivi e più propensi a commettere errori.

I momenti di deep work vanno gestiti come appuntamenti

Assicuriamoci di inserire nella nostra routine dei momenti pensati per affrontare i progetti e gli incarichi che richiedono elevati livelli di concentrazione, ossia momenti dedicati al deep work. Il termine deep work si riferisce a un approccio al lavoro in cui ci si dedica con la massima attenzione a un singolo compito per periodi prolungati, per raggiungere più facilmente lo stato di flow, cioè di massima produttività.

Perché siano efficaci, tuttavia, i periodi riservati al deep work vanno strutturati al pari di qualsiasi altro impegno e va data loro la stessa importanza di un vero e proprio appuntamento. Inseriamoli nel nostro calendario, quindi, e assicuriamoci che tutti coloro con cui lavoriamo sappiano che non saremo disponibili in quella fascia oraria. Liberi da distrazioni e al riparo da possibili meeting imprevisti, potremo dedicarci interamente ai progetti più importanti.

Scegliere soluzioni su misura per la gestione del calendario

La gestione di meeting e appuntamenti occupa una parte considerevole del tempo passato al lavoro: secondo i dati di una recente indagine di Doodle la maggior parte dei professionisti dedica infatti alla pianificazione di incontri e riunioni una media di cinque ore alla settimana, pari a quasi 250 ore l’anno che vanno sprecate fra email e messaggi per coordinare meeting, date e orari.

Per questo motivo, scegliere di delegare la gestione del calendario e degli appuntamenti può rappresentare un investimento in grado di liberare ore preziose ogni settimana. Segretaria24 offre un servizio completo di gestione dell’agenda che, tramite un team di segretarie esperte e qualificate, si occupa di fissare appuntamenti secondo le necessità e le indicazioni del cliente e li inserisce direttamente nel calendario condiviso. La funzionalità di gestione del calendario è integrata nei servizi di segretariato virtuale, rendendo ancora più facile assicurarsi la tranquillità necessaria a dedicarsi al deep work, senza rinunciare alla reperibilità.

Per testare la qualità del servizio, approfitta del periodo di prova gratuito offerto da Segretaria24 e torna a essere padrone del tuo tempo.

 

 

 

 

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!

Trackback from your site.

Giulia Bertani

Giulia Bertani è Assistente Marketing presso Segretaria24.it. In questo blog si occupa di temi di interesse per liberi professionisti e imprenditori che desiderano migliorare la propria produttività e ampliare il proprio portfolio clienti.

Leave a comment

Fai crescere la tua impresa con il nostro servizio di segretariato a distanza.

Con noi assicuri alla tua attività una reperibilità telefonica ottimale, anche 24h su 24:

  • ✓ Gestione chiamate, agenda appuntamenti, e servizio fax virtuale
  • ✓ Segretariato madrelingua anche in inglese, tedesco, francese e spagnolo
  • ✓ Applicazione smartphone gratuita per iOS e Android
  • Richiedi un’offerta senza impegno e per il tuo primo mese ottieni un bonus di 25 € sulle telefonate e zero costi di canone.

    Le informazioni fornite saranno archiviate in conformità con la nostra politica sulla privacy per elaborare la vostra richiesta di contatto.

    Posso revocare questo consenso in qualsiasi momento.*