Lavorare da casa con i bambini: orari regolari e tempo di qualità

Lavorare da casa rende indubbiamente più facile conciliare gli impegni professionali e la vita familiare, ma rimanere produttivi quando si hanno bambini intorno può essere una sfida per i genitori che lavorano in remoto.

Più stress per i genitori nell’era dello smart work?

La possibilità di lavorare da casa e di gestire con flessibilità i propri orari è uno dei benefit più apprezzati dai genitori con figli piccoli, al punto da preferirlo persino a un sostanziale aumento di stipendio. Tuttavia una recente ricerca dell’Università Cattolica ha rivelato che essere costretti a dividersi fra lavoro e cura dei figli aumenta considerevolmente lo stress dei genitori, soprattutto quando non è possibile contare su scuole, asili e servizi di baby-sitter, come nel recente periodo di lockdown dovuto all’epidemia di Covid-19.

Secondo i dati dell’indagine, in questo momento una famiglia italiana su tre ha uno o entrambi i genitori che lavorano da casa, occupandosi contemporaneamente delle necessità familiari, ma solo il 10% può contare sull’aiuto di parenti o amici per la cura dei figli. Come conciliare allora la produttività da remoto con la necessità di occuparsi dei più piccoli?

 

Orari a misura di bambino

Una buona gestione del tempo è fondamentale per conciliare con successo la vita familiare e quella lavorativa, come ha recentemente sottolineato anche la Società Italiana di Pediatria. Stabilire una routine quotidiana, con spazi e tempi dedicati ad attività diverse, aiuta a semplificare la gestione familiare e diventa uno strumento prezioso per i genitori che lavorano da casa.

Poter contare su orari regolari permette infatti alle mamme e ai papà di poter programmare il lavoro da portare a termine durante i momenti di calma. Nel caso di neonati o bambini molto piccoli, il sonnellino pomeridiano è sicuramente l’occasione migliore per dedicarsi ai progetti che richiedono maggiore concentrazione, così come per programmare riunioni e videoconferenze. Se i figli sono più grandicelli, i genitori possono invece dedicarsi al deep work mentre i bambini sono assorti nel gioco o nel loro film d’animazione preferito.

 

Dedicare ai figli tempo di qualità

Una delle principali fonti di stress per i genitori che lavorano da casa è il timore di non passare abbastanza tempo con i figli, ma quando si tratta di coltivare il rapporto con i propri bambini la qualità conta decisamente più della quantità. Un recente studio ha infatti evidenziato come per i bambini fra i 3 e gli 11 anni, il numero di ore passate con i genitori è irrilevante mentre conta moltissimo la qualità del tempo passato insieme.

Ma cosa si intende per tempo di qualità? Secondo il neuropsichiatra infantile Giovanni Bollea il tempo di qualità è prima di tutto tempo condiviso fra genitori e figli, in cui l’attenzione del genitore è focalizzata sul bambino. Il consiglio per i genitori perciò è quello di riservare ogni giorno del tempo da dedicare al dialogo, al gioco oppure ad attività come la lettura di favole o la realizzazione di lavoretti creativi, che aiutano a consolidare il legame affettivo fra genitori e figli tramite la condivisione di esperienze e sensazioni. Trenta minuti possono essere sufficienti per realizzare piccole sculture in pasta di sale, leggere una fiaba o dedicarsi a progetti di riciclo creativo.

 

Se la tecnologia diventa un alleato

Computer, tablet e smartphone possono diventare un ottimo mezzo per tenere occupati i più piccoli con app e programmi educativi mentre il papà o la mamma sono impegnati in meeting e riunioni. Un vecchio tablet è sufficiente per accedere alle numerose risorse gratuite presenti in rete, come le popolarissime radiofiabe di Raitre, le letture proposte dalla Libreria dei Ragazzi di Milano o le attività per ragazzi del Museo delle Scienze di Trento.

È comunque consigliabile limitare il più possibile il numero di ore che i nostri figli passano davanti allo schermo: l’uso di tablet e smartphone dovrebbe perciò essere limitato a momenti prestabiliti della giornata, che i genitori possono sfruttare per dedicarsi alle chiamate o ai progetti più impegnativi.

 

Non dimenticare di prendersi cura di sé

I bambini sono estremamente sensibili allo stato d’animo dei propri genitori e sono in grado di avvertire fin dalla più tenera età la tensione o la stanchezza di mamma e papà, al punto che il tempo che i genitori trascorrono con i figli quando sono stanchi e stressati finisce per essere controproducente per il benessere emotivo dei bambini. Il modo migliore per prendersi cura di loro è quindi imparare a prendersi prima di tutto cura di se stessi.

Assicurarci un adeguato numero di ore di sonno, programmare pause regolari e dedicare qualche minuto ad attività anti-stress (come la meditazione o lo stretching) può aiutarci a mantenere la serenità anche quando il carico di lavoro si fa più intenso, garantendoci le energie necessarie a prenderci cura al meglio dei nostri figli.

 

 

 

 

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!

Trackback from your site.

Giulia Bertani

Giulia Bertani è Assistente Marketing presso Segretaria24.it. In questo blog si occupa di temi di interesse per liberi professionisti e imprenditori che desiderano migliorare la propria produttività e ampliare il proprio portfolio clienti.

Leave a comment

Fai crescere la tua impresa con il nostro servizio di segretariato a distanza.

Con noi assicuri alla tua attività una reperibilità telefonica ottimale, anche 24h su 24:

  • ✓ Gestione chiamate, agenda appuntamenti, e servizio fax virtuale
  • ✓ Segretariato madrelingua anche in inglese, tedesco, francese e spagnolo
  • ✓ Applicazione smartphone gratuita per iOS e Android
  • Richiedi un’offerta senza impegno e per il tuo primo mese ottieni un bonus di 25 € sulle telefonate e zero costi di canone.

    Le informazioni fornite saranno archiviate in conformità con la nostra politica sulla privacy per elaborare la vostra richiesta di contatto.

    Posso revocare questo consenso in qualsiasi momento.*