ascoltare musica al lavoro

Ascoltare musica mentre si lavora aumenta la concentrazione? Dipende.

Gli italiani ascoltano musica al lavoro più di qualsiasi altro popolo europeo, secondo una ricerca condotta in collaborazione da LinkedIn e Spotify, e molti ritengono che aumenti la produttività e migliori la concentrazione. Ma quali sono i reali benefici di ascoltare musica in ufficio?

Quali sono gli effetti dell’ascoltare musica sul lavoro?

Oltre l’89% dei professionisti italiani ritiene che ascoltare musica durante il lavoro aumenti la propria produttività. Tuttavia, secondo il cognitivista Daniel Levitin, si tratta per lo più di un’impressione dovuta all’effetto positivo che la musica ha sul nostro umore, ovvero: quando si ascolta musica ci si sente più produttivi, perché si è di umore migliore.

Numerosi studi hanno infatti dimostrato l’effetto positivo che la musica ha sull’umore ed è proprio grazie alla sua capacità di agire sulla nostra disposizione d’animo che la musica può influire positivamente sulla nostra produttività.

Da uno studio del 2017 condotto dall’Universita di Radboud è emerso che ascoltare musica influisce sulle capacità cognitive ed è in grado tanto di stimolare il pensiero creativo che di ridurre lo stress collegato al lavoro. Altri studi hanno dimostrato che chi ascolta  musica mentre si dedica ad attività ripetitive, come quelle di data entry o di archiviazione, lavora più velocemente e commette un minor numero di errori proprio grazie allo stimolo fornito dalla musica.

La musica in ufficio, però, non è sempre un vantaggio: molteplici studi  dimostrano come ascoltare musica possa rappresentare una grossa fonte di distrazione sul lavoro e influenzare negativamente il rendimento. La musica pop sembra più in grado di distrarci rispetto a quella ambient, ma la più grossa distrazione è rappresentata senza dubbio dalla musica accompagnata da parole: questo tipo di musica è in grado di distrarci più di qualsiasi altro tipo di suono, perché il nostro cervello tende a seguire il testo della canzone anche mentre ci dedichiamo ad altro.

Cosa ascoltare: il giusto mix di musica e silenzio

Il miglior tipo di musica da ascoltare in ufficio per godere dei benefici in termini di produttività è prima di tutto musica di nostro gradimento: secondo i risultati di uno studio condotto da Anneli B. Haake nel 2010, infatti, la cosa più importante è avere il controllo su ciò che si ascolta durante il lavoro. Chi è costretto ad ascoltare musica che non ha scelto, viene distratto più facilmente e accusa maggiori sintomi di stress.

Lo stesso vale per la scelta di ascoltare o meno della musica mentre si lavora: il dato che emerge in maniera più consistente è che l’ascolto della musica rende più produttivi coloro che sono abituati ad ascoltarla mentre lavorano, ma ha un impatto negativo sulla performance di coloro che sono soliti lavorare in silenzio.

Tuttavia, se siamo costretti a lavorare in un ambiente molto rumoroso, magari perché vicino a una strada trafficata, ascoltare della musica può essere d’aiuto per contrastare la distrazione e lo stress provocati dal rumore di fondo e aiutarci a ritrovare la concentrazione. Il rumore di fondo in ufficio però non è sempre un male: quando non supera i 70 decibel, secondo uno studio del Journal of Consumer Research può stimolare la creatività più di quanto possa fare la musica.

E ci sono momenti in cui il silenzio è l’unica soluzione: quando scriviamo, studiamo o ci dedichiamo a compiti che richiedono molta concentrazione, infatti, la cosa migliore da fare è spegnere la musica e rivolgere la propria attenzione al lavoro da svolgere. Ascoltare musica mentre ci si dedica a un’attività impegnativa dal punto di vista mentale, ci costringe a una sorta di continuo multitasking fra l’ascolto della musica e il lavoro che stiamo svolgendo, con conseguenze disastrose per la nostra concentrazione.

Questo non significa dover rinunciare ai benefici dell’ascolto della musica, ma è piuttosto un invito a cambiare le nostre abitudini: secondo Daniel Levitin, ascoltare brani energizzanti per 10-15 minuti prima di cominciare a lavorare aiuta a rilassarsi e favorisce la concentrazione, influendo positivamente sul rendimento, soprattutto quando dobbiamo svolgere compiti che richiedono attenzione e concentrazione.

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!

Tags:

Trackback from your site.

Giulia Bertani

Giulia Bertani è Assistente Marketing presso Segretaria24.it. In questo blog si occupa di temi di interesse per liberi professionisti e imprenditori che desiderano migliorare la propria produttività e ampliare il proprio portfolio clienti.

Leave a comment

Fai crescere la tua impresa con il nostro servizio di segretariato a distanza.

Con noi assicuri alla tua attività una reperibilità telefonica ottimale, anche 24h su 24:

  • ✓ Gestione chiamate, agenda appuntamenti, e servizio fax virtuale
  • ✓ Segretariato madrelingua anche in inglese, tedesco, francese e spagnolo
  • ✓ Applicazione smartphone gratuita per iOS e Android
  • Richiedi un’offerta senza impegno e per il tuo primo mese ottieni un bonus di 25 € sulle telefonate e zero costi di canone.

    Le informazioni fornite saranno archiviate in conformità con la nostra politica sulla privacy per elaborare la vostra richiesta di contatto.

    Posso revocare questo consenso in qualsiasi momento.*